“La verità su di lei” di Grazia Rolando

“La verità su di lei” di Grazia Rolando è un romanzo emozionante, che attraverso la complessità dei personaggi ci accompagna in diversi percorsi di crescita. Michael, scultore londinese, è stato lasciato da Anna, la sua musa ispiratrice, ed entra in una profonda crisi. Decide di lasciare la sua città e di recarsi in Thailandia per ricominciare… sembra pronto per un percorso di trasformazione, fa incontri nuovi e vecchi, ma in realtà non riesce ad innescare la miccia del cambiamento e continuerà a struggersi per Anna, non riuscendo a superare il dolore causato dal suo abbandono.

I luoghi del romanzo

Il romanzo si apre a Londra, città cosmopolita, frenetica e sempre in movimento. Il nostro occidente. E poi si parte per Bangkok e la Thailandia, un oriente spirituale, lento, calmo. La scelta di queste due location si riflette nei tempi del romanzo. La prima parte del romanzo si svolge in oriente, più precisamente a Bangkok, e il ritmo è calmo, lento, quasi rilassante. Per la seconda parte si torna a Londra e il ritmo diventa incalzante, lascia quasi senza fiato, soprattutto dopo la la scoperta dell’omicidio di Anna.

I personaggi di “La verità su di lei” di Grazia Rolando

Sono tanti i personaggi che incontriamo in questo romanzo e quasi tutti sono alla ricerca di sé stessi, di un riscatto: il protagonista, Michael, l’artista che ha perso la sua musa ispiratrice e che nonostante i diversi tentativi non riesce a farsene una ragione; Anna, una musa ispiratrice che appare come una sorta di strega, addirittura figura maledetta…; July, l’ex compagna di Michael che a sua volta non riesce a lasciarlo andare, Josef, l’amico e fratello, che tradirà Michael nel modo peggiore; e poi ci si sono il vecchio falegname, Sarim e Kamir, i nuovi personaggi che Michael incontra a Bangkok e che lo aiutano nel suo percorso e soprattutto lo conducono ad aprire gli occhi su un mondo che gli era del tutto sconosciuto.

L’autrice

Mariagrazia Rolando, torinese di origini, vive oggi a Tortona e insegna all’Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Marconi. E’ appassionata di letteratura italiana del Novecento e affascinata dal potere creativo della scrittura. Il suo romanzo è davvero appassionante ed emozionante e anche la sua scrittura è coinvolgente e sciolta, grazie anche alla sua scelta stilistica di alternare alle parti descrittive le lettere di Anna, che “spezzano” la narrazione spalancandoci il suo mondo autentico.

L’Incipit di “La verità su di lei” "La verità su di lei" di Grazia Rolando - copertina a colori

CAPITOLO PRIMO – Bangkok, 1985

Dopo cinque giorni di pioggia battente, Michael si sentiva addosso l’umidità vischiosa di quell’aria.  Attraverso i vetri opachi, il cielo plumbeo di Bangkok entrava di soppiatto nella stanza mentre la stagione dei monsoni imperversava senza tregua.

Dalla radio si susseguivano notizie di allagamenti in tutta la regione.

Aveva dormito a lungo, dopo il viaggio.

Londra era lontana, avvolta dalla sua bruma lattiginosa.

Organizzare quel viaggio era stato meno complicato di quanto avesse previsto. Gli sembrava di essere una specie di fuggitivo avendo lasciato tutto alle spalle, intatto e immobile, come sospeso. Non c’erano stati grossi preparativi, non aveva dovuto pensare a lungo alla meta: quella destinazione era già in cima ai suoi pensieri da tempo.

E adesso, a ripensarci, gli veniva quasi da sorridere compiaciuto per la sua scelta coraggiosa.

Aveva smesso di pensare alle sue responsabilità, di apparire gioviale e affabile in pubblico, compiacente con tutti: i committenti, la stampa, i fotografi.

Tutto quello che desiderava veramente era sparire, diventare invisibile fino a rarefarsi, trasformarsi in fumo, disperdersi e risultare così impalpabile, come la materia di cui si sentiva fatto da quando lei lo aveva lasciato, incenerendolo.

 

Buona lettura da Nina